Autotrasportatore extracomunitario

La CQC italiana è un obbligo anche per i conducenti extracomunitari

La circolare 7787 del 3 aprile 2014, oltre che a riordinare e ristrutturare i corsi di formazione iniziale e periodica della CQC, fa luce sulla questione se tutti i conducenti professionali extracomunitari che lavorano per imprese italiane debbano conseguire la CQC italiana o possano esibire documenti analoghi ad essa.

La domanda è di quelle spinose perchè ne presuppone un'altra: la patente italiana è obbligatoria per tutti i conducenti stranieri?

DIPENDE: tutti i conducenti extracomunitari, trascorso un anno dall'acquisizione della residenza in Italia, devono convertire la loro patente; anche i cittadini dell'UE e del SEE dopo due anni di residenza sono soggetti allo stesso obbligo se la loro patente non ha limiti di validità amministrativa (circ. Ministero Interno del 3/3/2014 e art. 136 bis del codice della strada).

Va da sè che nel momento della conversione è opportuno fare le pratiche per convertire anche l'eventuale CQC posseduta, in modo tale da avere una sola patente, chiamata appunto PatenteCQC, che riporta il codice 95 che attesta la formazione professionale dell'autista.
Ma come si fa a capire se la propria patente o CQC straniera hanno caratteristiche analoghe a quelle italiane?
Purtoppo le tabelle di equipollenza, che di solito si usano per stabilire analogie e differenze tra le patenti, sono in corso di aggiornamento e dunque non possono essere utilizzate allo scopo. L'unico modo per venirne a capo è attraverso un'attestazione integrativa rilasciata dalla rappresentanza diplomatica, legalizzata e completa di una traduzione ufficiale del documento. Sarà dunque questo il documento richiesto dalle Motorizzazioni ogni volta che sorgeranno casi di incomprensione sulle patenti.

E se la patente del Paese di origine è scaduta oppure non ci sono accordi di reciproca conversione con l'Italia, cosa si fa? non ci sono alternative, l'unica soluzione è rifare gli esami.

Fonte: http://www.patente.it/ecom.dll/noAjax?idc=2754

Links correlati

LINK Patente.it: l'articolo originale

Commenti